BLOG di Davide Nonino,
digital strategist, scrittore e soprattutto papà.

ATTENZIONE: qui si va alla ricerca di pensieri creativi, comunicazione e idee nel mondo di ogni giorno
Cerca per parole sul blog

Seguimi  su Pinterest

RSS | Laboratori di scrittura
29/6/2009

A Udine l’orto è sul tasto!

Le ho conosciute grazie ad un link postato su Facebook da un amico di un amico, e così ho scoperto che Elisabetta e Maria hanno creato anche nella mia piccola e (spesso, non sempre ;)) grigia  e sdigitalizzata Udine un fantastico orto 2.0: uno di quei servizi che tu ordini la frutta e la verdura on-line e te la portano a casa dagli orti della zona.
In più sono anche carine e simpatiche per cui non potevo non microintervistarle e appiccicarle sul blog:

orto sul tasto

domandaORTO
Ciao Elisabetta e Maria. Ho spulciato curioso e goloso il vostro bellissimo sito e mi resta una gran curiosità: come mai si chiama orto sul tasto?
Nella nostra attività si fondono due elementi fondamentali e apparentemente antitetici, il passato e il futuro, ed era importante trovare un nome che li comunicasse entrambi. L’ORTO è un concetto retrò nella misura in cui
significa metodi produttivi a controllo familiare, reschezza e vicinanza, insomma qualità. Il TASTO è ilcomputer, il web, la comodità. La tecnologia, a dispetto di quello che siamo abituati a pensare, può essere messa a servizio della genuinità.


domandaPROGETTO
Un orto sul web in quel di Udine e dintorni. Quando è nata quest’idea 2.0 che avrà anche un blog tutto suo? E dove vorreste arrivare?
In friuli esistono già servizi simili, ma la nostra idea, nata un anno fa, è stata quella di offrire anche in provincia di Udine la possibilità di comporre completamente una propria cassetta di prodotti locali, scegliendo dal nostro sito ortofrutticoli e trasformati, così come accade già all’estero e nelle grandi città italiane, anche se con declinazioni diverse. Vogliamo applicare davvero il concetto di chilometro zero, perciò, anche crescendo, non consegneremo i prodotti locali al di fuori della provincia. Pensiamo infatti che ogni cittadina dovrebbe diventare il polo di una propria rete locale. Il blog sarà un contenitore flessibile in cui, oltre alle ricette, proporremo argomenti legati ad una sensibilità sempre più diffusa: energie alternative, riciclo, iniziative locali ecologiche…

domandaFRUTTA&VERDURA
Con che criterio avete scelto gli orti da cui provengono i prodotti che proponete sul web?
La poca distanza da Udine e la qualità: i nostri produttori hanno tutti l’azienda in provincia di Udine e la materia prima, anche dei prodotti trasformati, è sempre locale. Per quanto riguarda la qualità non ci siamo limitate al marchio biologico, perché, evitando le produzioni industriali, tra le aziende di dimensioni ridotte si possono individuare dei produttori convenzionali molto attenti, diciamo dei produttori biologici senza bollino, e questa selezione è la parte più importante e delicata del nostro lavoro.


domandaCONSEGNA
Sul sito si legge con piacere che consegnate anche in ufficio in città. Siete incappate in qualche collega curioso o manager stupito di fronte alle vostre cassette?
In generale i nostri clienti sembrano molto contenti del servizio e negli uffici la cosa divertente è la reazione dei colleghi di chi ci fa la spesa: la nostra cassetta di solito sosta diverse ore esposta alla vista e all’olfatto di più persone e pare che pochi rimangano indifferenti… Comunque l’idea piace, perché siamo abituati a lavorare sempre di più e molti di noi, anche in una città piccola come Udine, ormai faticano a trovare il tempo per fare la spesa. La nostra è una scommessa  sull’apertura della provincia alle novità ed è naturale che molti siano sorpresi, favorevolmente, da questa iniziativa.


domandaCIFACCIAMOIFATTIVOSTRI
Elisabetta e Maria si sono conosciute così…
Ci conoscevamo prima che quest’avventura cominciasse. Io, Elisabetta, ho sviluppato l’idea e preparato il progetto per diversi mesi, fino a quando non mi sono resa conto che, se avessi coinvolto la persona giusta, sarebbe diventata
un’impresa migliore sotto molti punti di vista. Ho pensato a Maria e lei è stata così pazza da mettersi a navigare con me, di orto in orto.

Per visitare l’orto di Elisabetta e Maria:L’orto sul tasto

web